Correre rende felici I 5 motivi che accendono il sorriso sul nostro volto

Vi è mai capitato di chiedere a un podista perché corre? Provateci, andate all’arrivo di una gara amatoriale, lungo le ciclabili o al parco e fate un tentativo. Anche se difficilmente un podista si fermerà. Però nel caso… Perché corri? Molto probabilmente vi risponderanno: “corro perché migliora la mia vita, il mio stato d’animo e mi fa stare bene”.

1) L’attività fisica, come è noto, aiuta a rilasciare le endorfine nel cervello. Le endorfine, sono una sorta di droga positiva e naturale che rende la persona più energica, reattiva e felice. Quasi ogni corridore sperimenta il buon umore del post-allenamento e alcuni vi diranno anche che tendono ad essere un po’ più cupi quando non corrono.

2) La corsa migliora la forma fisica. Ci si sente più forti e così si affrontano meglio le sfide quotidiane. Migliorare la propria forma fisica non ci cambia solo fisicamente, ma anche mentalmente. La sicurezza interiore aumenta poi di conseguenza il nostro livello di felicità.

3) La corsa vi permetterà di impostare degli obiettivi che saranno parte integrante della vostra felicità. Si è molto più felici quando ci si può impegnare per superare i propri limiti. La corsa, poi, come poche altre cose è veramente democratica. Il risultato è sempre frutto del vostro sacrificio, niente e nessuno potrà condizionare le vostre prestazioni con strategie antimeritocratiche. Il fissare un obiettivo, lavorando poi con cura al raggiungimento dello stesso, vi farà sentire felici. Stanchi magari, ma felici, perché state facendo una cosa tutta vostra e sentite che a ogni uscita l’obiettivo si avvicina. Raggiungere l’obiettivo è meraviglioso, lavorare per raggiungerlo è parte di quella meraviglia.

4) Correre è uno sport individuale, ma crea una socialità che supera pure gli sport di squadra. L’interazione con chi, come noi, mette con metodo un passo davanti all’altro è qualcosa di naturale e immediato. E non importa che tu corra 5, 10, 42 km, fai parte di una grande famiglia. Una famiglia solidale e allegra. Ognuno con i propri obiettivi e ognuno capace di gioire in modo sincero dei nostri successi. Questa socialità concorrerà nell’aumenterà il nostro livello di felicità (soprattutto nelle donne).

5) Infine, l’aumento delle endorfine, la forma migliore, i nostri obiettivi (raggiunti e da raggiungere), l’aumentata socialità aumenterà la nostra autostima. E con l’aumento dell’autostima accresce in noi la felicità. Difficilmente una persona con bassa autostima sarà felice. Ok sarà semplicistico, ma tant’è…
Quindi, volete aumentare il vostro livello di felicità? Tirate fuori le scarpe da running e iniziate a correre. In bocca al lupo.
Aspettiamo poi le vostre storie di “felicità”.

About Silvio Lorenzi 321 Articoli
silviolorenzi@runvsfood.com Maratoneta con il vizio della buona tavola

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.